Tratto 4

Bologna - Santuario della Verna

Via degli Dei + Via Ghibellina

DAL 26 LUGLIO AL 04 AGOSTO 2019

0
Kilometri
0
Tappe
0
Giorni / Notti
L’itinerario della Via degli Dei unisce in circa 130 km Bologna a Firenze, ripercorrendo un’antica viabilità storica utilizzata fin da epoche romane per unire la città di Felsina (Bologna) con Fiesole – Firenze. Ribattezzata “Flaminia Militare”, è caratteristica per i selciati di origine romana che troviamo in diversi tratti del percorso fatto inoltre di sentieri, strade bianche e qualche breve tratto su asfalto.
Il collegamento di Firenze con Poppi, destinazione storica della Via Ghibellina, si realizza in circa 63 km, per poi raggiungere con altri 20 km il Santuario de La Verna, meta spirituale del itinerario passando da Bibbiena e dal Santuario di Santa Maria del Sasso. Anche qui la presenza di lunghi tratti lastricati ci danno l’emozione di camminare su vie antiche delle quali è impossibile conoscere l’epoca di costruzione per la mancanza di informazioni e di archivi.
Gruppi da 8/15 persone
Ore di cammino (al giorno): 6-7
COSTI PREVISTI:
  • € 225 comprende iscrizione e tessera CTG, guida e organizzazione da versare al momento dell’iscrizione.
  • € 270 per 9 pernottamenti, 2 cene e 2 colazioni, da inviare una settimana prima della partenza.
  • € 150 di cassa comune per cene e colazioni non comprese, da portare con sé.
  • in 4 luoghi saremo provvisti di cucina e si provvederà a fissare dei prezzi «da pellegrini» nei vari luoghi dove mangeremo insieme.
  • i pranzi sono a discrezione di ogni uno.
LA GUIDA
Francisco Sancho

Francisco Sancho, spagnolo di origine e vicentino d’adozione, ha fatto del pellegrinaggio a piedi la sua espressione di vita cristiana. Francisco ha camminato, negli ultimi 23 anni, piu’ di 40000 Km attraverso vie di fede in Europa.

Difficoltà: media – alta
Punti forti: percorsi storici
Giorno
Tappa
26 Luglio Bologna – Badolo

  • Lunghezza tappa 22 km
  • Dislivello salita 817 mt
  • Dislivello discesa 515 mt
  • Ore di cammino 6

Piazza Maggiore è il vero punto d’inizio (o di arrivo) della Via degli Dei. Si prosegue attraversando l’arco del Meloncello per percorrere il portico più lungo del mondo: quello che porta al Santuario della beata Vergine di San Luca. Una volta saliti a San Luca e dopo aver chiesto “una grazia” come i veri bolognesi, si deve ridiscendere verso il Comune di Casalecchio di Reno. Arrivati al parco si prosegue costeggiando la riva destra del fiume Reno. Proseguendo in direzione Sasso Marconi si raggiunge l’Oasi Naturalistica di San Gherardo. Passando per i Prati di Mugnano si prosegue fino ad arrivare alla chiesa di Badolo.

27 Luglio Badolo – Madonna dei Fornelli

  • Lunghezza tappa 28 km
  • Dislivello salita 1.460 mt
  • Dislivello discesa 1.038 mt
  • Ore di cammino 9

Da Badolo proseguendo il sentiero si arriva a Brento e si costeggia il Centro Tutela e Ricerca di Fauna Esotica e Selvatica di Monte Adone. Sulla sinistra c’è un discesa che porta alla cima di Monte Adone. Si ridiscende poi verso Brento, Monterumici e poi Monzuno. Da Monzuno si prosegue su strada asfaltata in direzione Modonna dei Fornelli. Si raggiunge la località “Campagne” . Da qui si segue la strada sterrata fino alle case di Le Croci. Breve salita fino al Monte del Galletto e poi su sterrata si giunge a Madonna dei Fornelli.

28 Luglio Madonna dei Fornelli – Monte di Fo

  • Lunghezza tappa 18 km
  • Dislivello salita 783 mt
  • Dislivello discesa 753 mt
  • Ore di cammino 6

Da Madonna di Fornelli proseguiremo verso Pian di Balestra e potremo già ammirare dei tratti di Flaminia Militare, l’antico percorso romano datato 187 a.C.. Proseguendo sul sentiero si arriva a Piana degli Ossi, fino ad arrivare alla cima delle “Banditacce” punto di massima quota di tutto il percorso (circa 1200 m). Dopo alcuni metri raggiungerete anche il “Poggiaccio”.

29 Luglio Monte di Fo – San Piero a Sieve

  • Lunghezza tappa 21 km
  • Dislivello salita 641 mt
  • Dislivello discesa 1.197 mt
  • Ore di cammino 7

Imboccheremo la strada che sale fino all’Apparita” fino a raggiungere sulla vetta la Croce di Monte Gazzaro (1125m). Continuando a camminare si scende fino ad arrivare a Sant’Agata del Mugello nota per la Pieve, chiesa affascinante e molto antica. Seguiremo poi per S. Piero a Sieve.

30 Luglio San Piero a Sieve – Firenze

  • Lunghezza tappa 33 km
  • Dislivello salita 1.367 mt
  • Dislivello discesa 1.510 mt
  • Ore di cammino 11

Ripartendo dal centro storico di San Piero a Sieve, faremo una deviazione a andare a vedere la Fortezza Medicea di San Martino. La fortificazione occupa un intero colle: domina l’abitato di San Piero a Sieve e gran parte del Mugello. Proseguiremo fino al Convento di Monte Senario. Proseguite sulla strada fino a che il sentiero riprende a Vetta le Croci. Quest’ultimo tratto porta ad Olmo. Attraversata la strada asfaltata il sentiero CAI n.° 2 prosegue in salita verso Poggio Pratone da dove è possibile godere di un bellissimo panorama verso Firenze. Da Poggio Pratone si scende su strada sterrata fino a Monte Fanna, Fiesole, Coverciano e finalmente Firenze!

31 Luglio Firenze – Bagno a Ripoli

  • Lunghezza tappa 13 km
  • Dislivello salita – mt
  • Dislivello discesa – mt
  • Ore di cammino 3

La Via Ghibellina collega Firenze con il Santuario de La Verna, meta spirituale dell’itinerario. Un cammino che vi permetterà di visitare bellissimi paesaggi e paesi della Toscana. Il percorso è in totale sicurezza e segnalato su sentieri, strade di campagna e strade asfaltate con poco traffico.
Alcuni tratti sono lastricati e regalano l’emozione di camminare su vie antiche e ricche di testimonianze storiche. Sicuramente sono stati effettuati diversi interventi nel tempo con sovrapposizione di tracciati di diverse epoche. Lungo questa Via sono stati raccolti “frammenti” di storia per dare al viandante l’emozione di ritornare con la mente al passato. Tali frammenti ci legano a fatti del passato, alle popolazioni che vi hanno abitato ed anche ai viandanti che ci sono passati.
Si parte quindi da Firenze per arrivare dopo 13 km all’Antico Spedate del Bigallo dove i pellegrini trovavano anticamente rifugio.

1 Agosto Bagno a Ripoli – Abbazia di Vallombrosa

  • Lunghezza tappa 24 km
  • Dislivello salita – mt
  • Dislivello discesa – mt
  • Ore di cammino 7

Si prosegue salendo verso Montecucco, percorrendo suggestivi lastricati, per scendere poi ai ruderi del Monastero di Corsignano, ora detto Monasteraccio. Prima di Rignano sull’Arno si incontra il sito di Castelluccio di Rignano e la stupenda Pieve di San Leonino. Anche a Rignano esisteva dal 1341 un rifugio dedicato ai Santi Jacopo e Filippo che ha funzionato fino al XVIII secolo garantendo “il fuoco, la luce ed il dormire”. Salendo verso Vallombrosa si incontra la Pieve di San Pietro a Pitiana situata sulla via Cassia Vetus. Si raggiunge l’Abbazia di Vallombrosa con un’erta salita di circa 6 km. Oggi l’Abbazia è anche un rifugio per pellegrini e viandanti.

2 Agosto Abbazia di Vallombrosa – Poppi

  • Lunghezza tappa 26 km
  • Dislivello salita – mt
  • Dislivello discesa – mt
  • Ore di cammino 9

Si sale alla Croce Vecchia, percorrendo la strada foresta asfaltata dove arrivava la Via Florentia, che provenendo da Castel-Leone (Montemignaio), scendeva verso Pontassieve. Il percorso principale scende lungo il Torrente Scheggia verso Pieve Molino. Si continua attraversando il torrente Pistiano su un ponte medievale. Si raggiunge Pagliericcio dove è possibile visitare il Mulino Grifoni. Da Pagliericcio si prosegue fino a Strada in Casentino dominata dal Castello di San Niccolò dei Conti Guidi. Il percorso principale sale ora al Castel San Niccolò per scendere a Strumi, lungo un percorso panoramico.
La variante estiva, che prevede l’attraversamento del torrente Solano, prosegue verso la Pieve di San Martino in Vado, termine quest’ultimo che ci preannuncia la necessità di attraversare il Solano con il guado (Vado), che ha tutta l’aria di essere il guado della Via Romana Maior, proveniente da Arezzo e diretta in Mugello. Si arriva a Strumi, luogo pieno di fascino per il ricordo della potente Abbazia di San Fedele che aveva l’obbligo di dare cibo a 10 pellegrini di passaggio, ancora una testimonianza della frequentazione del percorso.

3 Agosto Poppi – Santuario della Verna

  • Lunghezza tappa 19 km
  • Dislivello salita – mt
  • Dislivello discesa – mt
  • Ore di cammino 6

Poppi, là sul colle, si avvicina velocemente accogliendoci con il suo fascino medievale. Si prosegue per Bibbiena lungo una strada asfaltata senza traffico sulla riva sinistra dell’Arno. Il percorso raggiunge Bibbiena e successivamente il Santuario di Santa Maria del Sasso. Si raggiunge La località Campi e, transitando per Campi, si sale per 6 km fino al Santuario de La Verna, accolti dalla fraternità francescana.

4 Agosto Santuario della Verna
Colazione insieme passaggio di testimone al nuovo gruppo e saluti!

Ci riserviamola possibilità di apportare alcune lievi modifiche all’itinerario. La quota di iscrizione sarà versata al momento di prenotazione come caparra. Mentre la quota fissa dei pernottamenti andrà versata fino a 1 settimana prima della partenza. La caparra sarà restituita interamente qualora non avvenisse il raggiungimento del numero minimo di 8 persone.

L’iscrizione per questo tratto è prevista fino al 25 Giugno 2019 da effettuare inviando il modulo che puoi scaricare qui. Dopo aver inviato il modulo via mail riceverai la conferma di avvenuta prenotazione e le modalità del pagamento. Per info: ass.camminiamo@gmail.com o telefona al 349.8509955 il lunedì dalle 21.00 alle 23.00

Le quote da inviare prevedono:
L’organizzazione, l’accompagnatore, i pernottamenti ed il numero di cene e colazioni previste nella tabella iniziale alla voce la quota comprende.
La quota non comprende quanto non specificato.